La Sainte-Chapelle


Un gioiello del gotico radiante

 

Descrizione

Conosciuta per la sua università di teologia, la capitale del regno non possiede ancora nessun monumento religioso determinante per l’Occidente. L’opportunità si presenta quando Baldovino II di Costantinopoli, imperatore del regno latino d’Oriente, ha problemi di denaro. Il re francese Luigi IX, noto sotto l’appellativo di Santo, acquistò da lui, suo cugino, nel 1239 le reliquie della passione del Cristo (la corona di spine e un pezzo di croce), per una somma colossale di 1350 livre. Per ospitarla degnamente, il Santo fece erigere la Sainte Chapelle in tempi record dal 1242 al 1248, incrementando così il prestigio della Francia, che diventa una “nuova Gerusalemme”.

Gravemente danneggiata durante la Rivoluzione, la Sainte-Chapelle è stata soggetta, nel XIX secolo, ad una restaurazione massiccia a opera di Jacques-Félix Duban e Jean-Baptiste Lassus.

Concepita comme un reliquiario monumentale, la visita comprende la cappella inferiore, dedicata alla Vergine, per il personale della corte reale e la cappella superiore riservata al re e alla sua famiglia dove furono conservate le reliquie. Sarete abbagliati da un eccezionale complesso di quindici sontuose vetrate e da un grande rosone, un vero e proprio inno ai colori. Siete pronti per un bagno di luce?

 

💡Lo sapevate ? Durante la seconda guerra mondiale, prima dell’arrivo dei nazisti, tutte le vetrate furono rimosse e nascoste sotto il Pantheon.

 

 

INFORMAZIONI PRATICHE

Durata: 1h30 all’incirca

 

Luogo di ritrovo: davanti l’entrata al n°8 boulevard du Palais

 

Tariffa: tramite mail

I biglietti d’ingresso dei monumenti e il diritto di parola, se necessario, non sono inclusi nel prezzo della prestazione. Essi rimangono a carico del cliente.